logo

Porta Imperiale, 3

32032 Feltre (BL)

P. IVA 00824670251

C. F. 82002850251

Martedì 18:00 - 19:30

Venerdì 18:00 - 19:30

Sabato 17:30 - 19:00

(dal 07/01 al 01/04/2017)

Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS)
logo

Porta Imperiale, 3

32032 Feltre (BL)

Martedì

18:00 - 19:30

Venerdì

18:00 - 19:30

Sabato

17:30 - 19:00

(dal 07/01 al01/04/17)

info@caifeltre.it

0439 81140

Seguici anche su:

Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS)

Gruppo Tutela Ambiente Montano (TAM)

ORGANIGRAMMA

  • Coordinatrice: Dalla Gasperina Giada – email cctam@caifeltre.it
  • Componenti: Buzzati Stefano, De Carli Renzo, De Marchi Antonio, Favilli Filippo, Galeone Enzo, Scariot Alberto, Schiocchet Ariondo, Tisot Antonio, Toscan Mariano, Villa Marta, Zasio Bianca.

Leggi anche:


Tutela Ambiente Montano (TAM) CAI Feltre

COSA FACCIAMO

La cultura della montagna, vale a dire l’insieme del sapere scientifico, letterario, artistico ed etnografico ad essa pertinenti e l’impegno di tutela dell’ambiente montano, sono legati reciprocamente.

Con questa motivazione il Consiglio Direttivo della sezione CAI di Feltre all’inizio del mandato 2004-2007 ha deciso per l’unificazione delle due Commissioni Cultura e Tutela dell’Ambiente Montano (TAM). Da allora nelle programmazioni annuali della nuova Commissione Cultura-Tam (C.C-TAM) i due settori d’interesse si sono ampiamente intersecati pur mantenendo una loro individualità di base.

Il nostro obiettivo è di coinvolgere chi ama la montagna a una sempre maggiore attenzione per i temi riguardanti l’integrità del patrimonio ambientale a maggior ragione considerando che l’UNESCO ci ha dato il privilegio e la responsabilità di far parte dell’area di eccellenza ambientale ”Dolomiti Patrimonio dell’umanità”.

Le linee guida del nostro agire sono definite dal codice di autoregolamentazione, di obbligazione morale, che i soci CAI si impegnano a contrarre in rapporto al comportamento da tenere nei confronti dell’ambiente e del territorio montano. Questo codice porta il titolo di BIDECALOGO.

“… In quanto obbligazione morale esso possiede una rilevanza superiore rispetto ad obbligazioni di natura giuridica, poiché fa riferimento alla gerarchia dei doveri che innerva la coscienza individuale e collettiva. Esso fonda quell’ “etica materiale dei valori ” che connota il sentire profondo dell’Associazione. (Annibale Salsa, Torino15 Maggio 2013, Assemblea dei delegati)”.