logo

Porta Imperiale, 3

32032 Feltre (BL)

P. IVA 00824670251

C. F. 82002850251

Martedì 18:00 - 19:30

Venerdì 18:00 - 19:30

Sabato 17:30 - 19:00

(dal 02/12/2017 al 28/04/2018)

Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS)
logo

Porta Imperiale, 3

32032 Feltre (BL)

Martedì

18:00 - 19:30

Venerdì

18:00 - 19:30

Sabato

17:30 - 19:00

(dal 07/01 al01/04/17)

info@caifeltre.it

0439 81140

Seguici anche su:

Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS)

Commissione Sentieri

ORGANIGRAMMA

  • Responsabile: Zannini Stefano – email sentieri@caifeltre.it
  • Componenti: Curto Andrea, Giazzon Oscar, Gobbato Roberto, Longo Casimiro, Pezzuolo Alberto, Simeoni Giuliano, Vigne Beniamino.
  • Collaboratori: Bordin Daniele, D’Agostini Angiolino, De Bacco Pasquale, De Kunovich Piero, Foffa Riccardo, Manfroi Cristian, Martini Massimo, Mezzacasa Daniele, Monego Remo.

Leggi anche:


ADOTTA UN SENTIERO

I sentieri sono parte della nostra storia: ci accompagnano nelle escursioni attraverso il tempo, i luoghi, le esperienze… i sentimenti. 

Aiutaci a mantenerli “in forma”, adotta un sentiero o un tratto di esso impegnandoti a:

  • monitorarne lo stato del fondo, della segnaletica, delle infrastrutture;
  • segnalare alla Sezione eventuali criticità (frane, smottamenti, caduta di rami, di piante… )

Telefonaci in sede allo 0439 81140 o scrivi a sentieri@caifeltre.it, ti risponderemo con piacere.

 


COSA FACCIAMO

Il crescente interesse per l’escursionismo richiede una rete organizzata di percorsi pedonali ben segnalati per la fruizione alpinistica, escursionistica o, più semplicemente, turistica.

Alla Sezione CAI di Feltre compete la manutenzione di ben 210 km di sentieri; le zone interessate vanno dall’area del Pizzocco ai versanti settentrionale e orientale del Grappa, includendo a nord l’area del Cimonega, i Piani Eterni, le Vette Feltrine e, a sud, il Tomatico.

Il lavoro dei nostri soci è puramente volontario e gratuito. Principalmente consiste: nel posizionare la segnaletica sia orizzontale che verticale (pali; tabelle contenenti le opportune indicazioni che devono essere chiaramente leggibili); nella pulizia dei sentieri da sassi e ramaglie, con taglio e sgombero di alberi eventualmente caduti sui sentieri; nella pulizia delle canalette di scolo acqua; nella segnalazione alle autorità competenti di eventuali pericoli di frane, smottamenti e quant’altro richiesto per aumentare la sicurezza dei percorsi.

Nel corso degli anni il nostro impegno si è concretizzato:

  1. nella presenza negli Organi Tecnici Centrali del CAI (Commissioni Tecniche, Gruppi di lavoro);
  2. nella definizione dei criteri per uniformare la segnaletica su tutto il territorio regionale;
  3. nella formazione e aggiornamento per gli operatori dei sentieri;
  4. nell’assicurare il monitoraggio della rete sentieristica dei territori interessati;
  5. nella costante, assidua manutenzione ordinaria mediante il rinnovo della segnaletica (orizzontale e verticale), nella sistemazione e pulizia del fondo;
  6. nell’aggiornamento del catasto sentieri e delle carte escursionistiche.

Se desideri partecipare attivamente alla manutenzione dei sentieri della nostra Sezione ti assicuriamo che sarai il benvenuto tra amici. Ti promettiamo impegno, ma anche gratificazione e l’orgoglio di avere reso fruibile a tutti il camminare per monti.

Telefonaci in sede allo 0439 81140 o scrivi a info@caifeltre.it , ti risponderemo con piacere.


COSA DICE LA LEGGE REGIONALE

La legge regionale 14 giugno 2013, n.11 “Sviluppo e sostenibilità del turismo veneto”, all’articolo 48 bis, comma 2, definisce “sentieri alpini” i percorsi pedonali, appositamente segnalati, che consentono il movimento di escursionisti e di alpinisti in zone montane, al di fuori dei centri abitati, per l’accesso a rifugi, bivacchi fissi o luoghi di particolare interesse alpinistico, turistico, storico naturalistico e ambientale.

La Regione riconosce altresì il ruolo e la funzione culturale e sociale svolta dal Club Alpino Italiano (CAI), di cui si avvale per la promozione e diffusione dell’alpinismo, per la conoscenza e valorizzazione dell’ambiente montano e la prevenzione degli incidenti in montagna.

Il comma 2 dell’articolo 48 bis definisce quindi la “rete infrastrutturale” della montagna veneta, costituita dai sentieri alpini, dai sentieri attrezzati, dalle vie ferrate, dai bivacchi fissi alpini e dai bivacchi-casere.

Il comma 3 dell’art. 48 bis prevede che le funzioni amministrative relative alla realizzazione e gestione dei sentieri alpini spettano alle Unioni Montane, che si avvalgono delle Sezioni del Club Alpino Italiano il quale può provvedere al tracciamento, alla realizzazione e alla manutenzione dei sentieri alpini. Spettano ai comuni le funzioni amministrative relative alla realizzazione e gestione delle vie ferrate, nonché delle opere e degli eventuali impianti fissi dei sentieri attrezzati necessari ai fini della loro manutenzione utilizzando le guide alpine e aspiranti guida alpina iscritte negli appositi albi professionali.

Previo confronto e collaborazione con gli enti e strutture competenti per territorio – CAI – Regione Veneto e le relative Sezioni territoriali, Associazione Guide Alpine del Veneto, Unioni Montane e Comuni – è stato individuato l’elenco regionale dei “sentieri alpini” presenti e frequentati dagli escursionisti, comprendente anche i sentieri necessari per raggiungere le vie ferrate, individuati come elementi a sé stanti e non più come parte integrante delle vie ferrate, nonché i sentieri alpini in cui i tratti attrezzati sono di lunghezza poco significativa rispetto alla lunghezza totale.

I sentieri del Catasto Regionale Veneto attribuiti alla Sezione CAI di Feltre sono numerati nel centinaio degli 800.

Newsletter